★★AL VIA LA CAMPAGNA SOSTENITORI 2020/2021★★

Nonostante l’emergenza sanitaria e le incertezze sulle modalità e i tempi per la ripartenza del calcio dilettantistico, abbiamo deciso di dare continuità al nostro progetto sportivo e iscrivere la prima squadra al prossimo campionato.

La Resistente punta da sempre sull’autofinanziamento e ha l’ambizione di portare alla ribalta un tipo di calcio diverso, che non dipende dal mecenate di turno ma si fonda sul sostegno economico e la partecipazione attiva dei tifosi.

Per questo chiediamo a tutti i compagni e le compagne di sostenere il progetto, anche con un piccolo contributo, sottoscrivendo la tessera sostenitori per la stagione 2020/2021.

Le offerte sono libere (dai 10 euro in sù) e le tessere sono sottoscrivibili:

contattando direttamente i singoli membri della Asd

venendo di persona nella nostra sede in via del Camoscio 12/14 tutti i giovedì dalle 18 alle 21 (Stefanina – Casa del Popolo)

con un bonifico sul nostro conto corrente intestato a La Resistente A.S.D. (Iban IT06G0501801400000016841652)

con una donazione sulla app Satispay (https://tag.satispay.com/laresistente). Scaricando la app per la prima volta avrete 5€ di bonus.

Chiediamo a tutti e a tutte, di mandarci dopo il bonifico una mail a laresistenteatletisocialisti@gmail.com con il vostro indirizzo di residenza in modo da potervi mandare la tessera sostenitori + gadget.

VAMOS RESISTENTE! Sostengo il calcio popolare!

CON LA BRIGATA E’ UN’EMOZIONE

Atleti in campo, compagni e amici sempre, uniti anche in questi giorni di isolamento forzato. Ecco il video con cui i valorosi atleti socialisti e lo staff tecnico hanno voluto omaggiare il caloroso tifo della Curva Est! ✊🏻

“E fu un fragore come un tuono, quando dal campo udimmo il suono, davanti agli occhi aggregazione,

con la Brigata è un’emozione”.. (Cit)

LA RESISTENTE – SAVIGNONE 1-2

Campionato FIGC di Terza Categoria 2019/20
Quindicesima giornata

Campo sportivo Cà de Rissi – Molassana

Passo falso!

Brutta sconfitta casalinga per gli atleti socialisti, la prima tra le mura amiche del Cà de Rissi, arrivata ad opera del Savignone, squadra quadrata e piena di qualità, non a caso tra le favorite ad inizio campionato. Pronti via ed è già vantaggio verdeblu.

Calcio d’angolo battuto basso sul primo palo ed un giocatore del Savignone riesce ad arrivarci per primo e ad appoggiare in rete il pallone. 0-1. Lo svantaggio subito a freddo mette un po’ di confusione nei ragazzi di Mr. Messina, che non riescono a far vedere quelle belle trame di gioco mostrate tante altre volte.

Ne approfittano quindi gli avversari, che creano una serie di occasioni davanti subendo poco dietro.L’unico grosso pericolo di tutto il primo tempo per il portiere del Savignone arriva da un calcio piazzato. Maurizio Gerbaudo al 38’ batte una punizione dai 35 metri circa, un’autentica sassata che si va ad infrangere all’incrocio del palo alla sua sinistra. Peccato Mauri, lo meritavi tutto. Si chiude così il primo tempo in svantaggio.

Sugli spalti intanto è un Carnevale, cori incessanti, tamburi a battere il il tempo, maschere, coriandoli e festa, nonostante il risultato in campo.

Il secondo tempo vede scendere in campo i nerorossi, forse spronati negli spogliatoi da Mr. Messina, con tutt’altro spirito, quello giusto, sudare la maglia, combattere su ogni pallone e tentare di arrivare al pareggio e ribaltare il risultato. Ma ben presto arriva il raddoppio avversario, che taglia le gambe ai nostri atleti.

Su una ripartenza un giocatore verdeblu stoppa un pallone poco fuori area e fa partire un tiro angolatissimo che si infila sul palo interno alla sinistra di Notari. È 0-2. Gli atleti socialisti, che fino a quel momento si stavano battendo con grinta, si smarriscono nuovamente e ci vogliono almeno una decina di minuti perché si riprendano dalla botta psicologica del doppio svantaggio subito proprio nel loro momento migliore. Gli avversari infatti, sempre con tiri precisi da fuori area colgono altri 2 legni.

Passata la paura, i nerorossi finalmente escono bene e cominciano ad imporre il loro gioco. Una serie di cross in mezzo intimoriscono gli avversari, ben chiusi dietro, ma non riescono a dimezzare lo svantaggio.

Solo nel finale, all’87’, dopo un cross teso ben messo in area, è il neo entrato Nick Orsoni a svettare tra tutti e con una incornata forte e ben indirizzata a trafiggere il portiere del Savignone.

Esplode la Est per il gol di uno dei giocatori più amati, che da anni lotta e combatte senza mai risparmiarsi per la maglia con la stella rossa sul petto. Finalmente Nick! La Est è al tuo fianco!

Gli ultimi minuti della partita vedono i nostri ragazzi fare pressione costante in avanti per raggiungere il sospirato pareggio ma l’arbitro fischia la fine del match tra le proteste per il poco recupero concesso, nonostante le numerose interruzioni dovute ad infortuni soprattutto di giocatori avversari.

Mr. Messina chiama i suoi ragazzi per un brevissimo discorso in mezzo al campo e li invita ad andare sotto la Curva Est a prendersi, nonostante la sconfitta, il saluto dei tifosi. E la Est, generosa e mai doma, li accoglie come di consueto al grido “siamo tutti antifascisti”, che si alza ancora più forte in solidarietà ai 50 compagni indagati per i fatti di piazza Corvetto. E proprio a quella grande giornata di lotta e resistenza antifascista la curva dedica due striscioni all’inizio e alla fine della partita.

AMA IL CALCIO ODIA IL FASCISMO!

NUOVA VALBISAGNO – LA RESISTENTE 2-2

Campionato FIGC di Terza Categoria 2019/20
Quattordicesima giornata

Campo Sportivo Morgavi – Sampierdarena

Pareggino!

Parte con un pareggio il girone di ritorno degli atleti socialisti. Complici anche le molte assenze e la determinazione degli avversari, al Morgavi arriva solo un punto, l’unico nelle due ultime partite.Il primo tempo vede i ragazzi di Mr Messina gestire la partita e gli avversari chiudersi bene nella propria metà campo. Ma non sempre ci riescono.

De Camilli, infatti, mette almeno un paio di palloni in mezzo che però non vengono finalizzati al meglio dai suoi compagni. Pur continuando a tenere in mano le redini del gioco, gli atleti socialisti non riescono però a sbloccare il risultato fino al 36’, quando il capitano Incandela, sul vertice sinistro dell’area, cerca di girarsi ma viene colpito da dietro da un avversario ed il direttore di gara assegna il calcio di rigore.

Sul dischetto va lo stesso Incandela, che tira alla sua destra, il portiere ci arriva ma smorza solo la palla che si infila nel sacco. Gol! 0-1!

La Curva Est, che ha invaso gli spalti del Morgavi sostenendo la squadra per tutta la gara, esplode!

Il secondo tempo si apre con gli avversari che dopo soli 5 minuti raggiungono il sospirato pareggio. Punizione poco fuori area che scavalca la barriera e si insacca nell’angolino sinistro. Complimenti! 1-1, tutto da rifare.

Mr Messina intanto, notando un calo di concentrazione oltre che fisico del gruppo, prova a mischiare un po’ le carte facendo alcuni cambi. Al 25’ arriva così il secondo lampo di giornata di Incandela per il nuovo vantaggio.

Azione che si sviluppa sulla sinistra, De Camilli la appoggia dietro a Reitano che mette un bell’assist in mezzo per Incandela, che di sinistro segna a botta sicura. Doppietta per lui e risultato sul 1-2!

Gli avversari a quel punto escono fuori con grinta e provano a recuperare di nuovo lo svantaggio. Al 41’ del secondo tempo, quando i nostri atleti pregustavano ormai la vittoria, l’arbitro assegna una dubbia punizione ai padroni di casa sulla destra, abbastanza vicino alla bandierina.

Scodellato il pallone in mezzo, ne esce fuori una azione confusa che vede in ultimo proprio Incandela, sbilanciato, non riuscire a spazzare via la sfera, che viene raccolta da un avversario che fa partire un tiro che colpisce i fondoschiena del nostro capitano e si va ad infilare alla sinistra del portiere nerorosso Notari.

Ma gli atleti socialisti, dopo questo beffardo pareggio, si buttano ancora generosamente in avanti e quasi allo scadere della partita, per poco non mettono a segno il gol decisivo. Dopo una buona azione, è De Camilli a trovarsi davanti al portiere, ma non riesce a stoppare bene la palla e a tirare con la giusta precisione e potenza.

Nonostante il pareggio, al triplice fischio la squadra corre sotto la Curva Est a prendersi l’abbraccio dei suoi tifosi e a cantare insieme come se non ci fossero recinzioni a dividere il campo dalla gradinata.Un punto che tutto sommato non cambia molto in classifica e la consapevolezza che tante assenze non aiutano e che una giornata storta può capitare a chiunque. Ma serve più grinta e determinazione per le prossime importanti sfide.

Avanti Resistente!