LA RESISTENTE – DAVAGNA 1979 1-2

Campionato di seconda categoria 2021/22

Campo sportivo Ca’ de Rissi – Molassana

La sveglia suona tardi..

Brutta battuta d’arresto per gli atleti socialisti che, dopo 4 risultati utili consecutivi, capitolano in casa contro un tenace Davagna.

Orario inconsueto per l’inizio del match: si parte infatti alle 9 e 30 ed i nostri atleti sembrano essere rimasti ancora sotto le coperte. La partita, a dire il vero, pareva subito volgere al meglio visto che dopo appena 10 minuti il Davagna rimane in 10 per il rosso diretto comminato dal direttore di gara ad un giocatore avversario dopo un brutto fallo di reazione. Ma lo svantaggio numerico, invece di favorire i giocatori nerorossi, compatta le fila davagnine.

Da quel momento, infatti, La Resistente regala ben 60 minuti agli avversari, creando poco e sbagliando molto in avanti.Il Davagna, dal canto suo, si chiude bene e riparte in modo pericoloso. Ed è proprio su una di queste ripartenze che passa in vantaggio al 31’. 0-1.

Gli atleti socialisti poco dopo hanno finalmente una buona occasione da gol con Ippolito ma l’azione si conclude in un nulla di fatto. Si chiude così in svantaggio la prima frazione di gioco. Al rientro in campo il Davagna trova il raddoppio dopo pochissimi minuti. Al 52’ un tiro cross in area non viene toccato da nessuno e si infila beffardamente in rete dopo aver colpito il palo. 0-2, è ancora notte fonda anche se il sole ormai ha fatto capolino sul terreno di gioco.

Dopo il doppio svantaggio, però, i giocatori nerorossi hanno finalmente una reazione d’orgoglio. Al 55’ un cross di Navone in mezzo all’area viene spinto comodamente in rete dal solito De Camilli, il nostro miglior marcatore stagionale. 1-2.

Dimezzato lo svantaggio, gli atleti socialisti provano generosamente a completare la rimonta. De Camilli ha un’occasionissima ma la palla finisce di poco a lato. Anche Navone e Cirillo ci provano con un paio di conclusioni a testa ma senza fortuna. Dopo qualche batti e ribatti in area l’arbitro fischia così la fine delle ostilità.

Arriva quindi la seconda sconfitta stagionale per i nostri, che avrebbero potuto osare di più essendo stati in superiorità numerica per 80 minuti. Bravo invece il Davagna a coprirsi bene chiudendo gli spazi e a colpire cinicamente nelle poche occasioni avute.

Un pareggio forse sarebbe stato il risultato più giusto ma i troppi errori in avanti non ci permettono di finalizzare il gioco espresso in mezzo al campo. Rimanere sotto le coperte fino al 60’ non ha di certo aiutato e ora c’è bisogno di un cambio di passo per mettere punti preziosi in cascina in questa fase del campionato.

Avanti Resistente!

👊🏻

GENOA CFG 1999 – LA RESISTENTE 1-1

Campionato di seconda categoria 2021/22

Campo sportivo 25 Aprile – Struppa

Finale senza lieto fine..

Pareggio amaro per gli atleti socialisti che, nonostante i molti indisponibili e dopo un’altra bella prestazione, vengono beffardamente raggiunti nei minuti di recupero dal Genoa Cfg 1999.

Il match pomeridiano comincia sotto una pioggia torrenziale. La prima azione da gol arriva già al 6’ con Ippolito che su un calcio d’angolo colpisce di testa ma si vede neutralizzare la conclusione dal portiere avversario. Ci provano un minuto dopo i padroni di casa con un bel tiro parato da Annibaldi.Da quel momento in campo c’è solo La Resistente che fa gioco e si procura una serie di occasioni. Traldi ci prova da fuori un paio di volte, la prima al 16’ ma il portiere devia in angolo, la seconda al 20’ con la palla che finisce a fil di palo.

L’occasione più nitida arriva al 31’ su una bella azione corale. Macciò lotta a centrocampo e la passa a Ippolito, che difende bene la palla e verticalizza per Cordone, che serve a sua volta l’accorrente De Camilli appena dentro l’area ma il suo tiro esce di pochissimo alla destra del portiere. Ci prova poi ancora Beneskhoune al 36’ ma non centra il bersaglio. Due minuti è di nuovo De Camilli ad avere una buona palla da gol ma il suo tiro è debole.

I padroni di casa si rivedono solo al 40’ con una conclusione parata con sicurezza da Annibaldi. Il primo tempo si chiude così a reti inviolate ma con qualche rimpianto per non essere riusciti a concretizzare le occasioni avute.

Il secondo tempo vede sempre i nerorossi esprimere un bel gioco e cercare con convinzione il vantaggio. Al 54’ ci prova ancora Beneskhoune con un tiro dalla lunga distanza che per poco non inquadra lo specchio. Un minuto dopo sulla destra una bellissima triangolazione di prima mette davanti al portiere avversario Cordone che viene anticipato all’ultimo da un difensore biancorosso. I padroni di casa ci provano poi al 60’ su un calcio piazzato che finisce di poco a lato.

Gli atleti socialisti però continuano a fare la partita e finalmente raggiungono il meritato vantaggio al 73’. Calcio di punizione a pochi metri dal limite dell’area di poco defilato a sinistra, sul pallone si presenta Iencinella che lascia partire una conclusione magistrale su cui il portiere biancorosso non può neanche sperare di arrivare. Che gol!

Una volta in vantaggio gli atleti socialisti continuano a costruire gioco nel tentativo di raddoppiare. Parladori al 79’ lascia partire un bel fendente da fuori area su cui l’estremo difensore avversario si distende in tuffo. All’81’ dopo un ottimo giro palla ci prova anche Cirillo ma non la insacca.

Nei minuti di recupero però arriva la beffa: azione confusa nella nostra area, la palla arriva ad un giocatore biancorosso che si trova davanti ad Annibaldi e lo beffa. Giusto il tempo di riprendersi dallo shock e giunge subito il triplice fischio.

Un’autentica doccia fredda che smorza un po’ l’entusiasmo della Est, che dedica comunque ai suoi atleti un applauso lungo e caloroso a fine partita. Resta negli occhi l’ennesima buona prova di tutti, dai titolari ai subentrati in corsa. La grinta e la rabbia agonistica sono quelle giuste e la prestazione è più che confortante nonostante le tante assenze pesanti.

Avanti così!

Don’t worry, be Resistente!

⬛️
🟥

★ AL VIA LA CAMPAGNA SOCI 2021/22 ★

“Inta squàddra da génte ànche mi són prescidente”

La Resistente non è solo una squadra di calcio o un’associazione sportiva dilettantistica. È anche questo, certo, ma è soprattutto una comunità, una comunità aperta e in espansione composta da persone che condividono un progetto che va molto al di là del rettangolo verde, un progetto fatto di aggregazione, socialità, solidarietà e autorganizzazione, di iniziative sociali e politiche che contano più dei risultati in campo. Una comunità che ha saputo rimanere tale anche durante questi due anni di pandemia, due anni senza partite, due anni di lockdown e crisi, due anni in cui invece di allontanarci ci siamo aiutati a vicenda e abbiamo contribuito a tenere viva la nostra Asd.

La scorsa stagione, infatti, nonostante lo stop ai campionati e l’impossibilità di vedersi di persona per un lungo periodo, oltre 100 compagni e compagne hanno sostenuto ugualmente il progetto sottoscrivendo la tessera socio. Un sostegno concreto che ci consente di guardare a questa stagione con più serenità rispetto a molte altre realtà di calcio dilettantistico i cui sponsor sono stati colpiti dagli effetti del Covid.

Per questo, ma anche per fare in modo che la nostra comunità possa allargarsi ulteriormente, quest’anno abbiamo deciso di abbassare la quota socio da 50 a 30 euro. Con un po’ di ritardo annunciamo quindi l’inizio della campagna di tesseramento 2021/22.

Le tessere soci sono sottoscrivibili:

• durante le iniziative e le partite de La Resistente

• contattando direttamente i singoli membri della Asd

• venendo di persona nella nostra sede in via del Camoscio 12/14 (Stefanina – Casa del Popolo)

• con un bonifico sul conto corrente intestato a La Resistente Asd (Iban IT06G0501801400000016841652)

• con la app Satispay (https://tag.satispay.com/laresistente)

*È sempre possibile supportare l’Asd da semplice sostenitore con un’offerta libera utilizzando le stesse modalità previste per i soci.

LA RESISTENTE – CORNIGLIANO CALCIO 1-0

Campionato di seconda categoria 2021/22

Campo sportivo Ca’ de Rissi – Molassana

Vittoria di gruppo!

Secondo successo in campionato per gli atleti socialisti, arrivato con una buona prestazione corale. A smorzare un po’ la gioia per il risultato, il brutto infortunio occorso al capitano Incandela, che è uscito dal campo molto dolorante dopo un forte colpo al costato. Sotto un pioggia insistente, con qualche minuto di ritardo si aprono le ostilità. Dopo una prima fase di studio, sono i corniglianesi a rendersi più pericolosi ma limitandosi a dei tiri da fuori. Il primo, al 9′, finisce a lato, il secondo, al 19′, viene parato facilmente da Annibaldi.

Al 22′, su una palla alta, il portiere avversario esce male e va a colpire rovinosamente capitan Incandela che cade malamente a terra e ci resta. Subito si capisce che si è fatto molto male e viene quindi sostituito da Beneskhoune. Da quel momento gli atleti socialisti mettono in campo ancora più grinta e iniziano a pungere anche in avanti. Al 32′ Navone calcia una punizione che non esce di molto e 3 minuti dopo, sempre su punizione, mette una palla in mezzo su cui arriva Favre che colpisce di testa ma il portiere para.

L’occasione più grossa di tutta la prima frazione di gioco giunge però nel finale: Navone contrasta bene un portatore di palla avversario, gli ruba la sfera e serve Cirillo lanciato a rete che calcia a giro ma non fa i conti con il miracolo del portiere neroverde che si tuffa bene e devia sul fondo. Tutti negli spogliatoi, quindi, col risultato ancora fermo sullo 0-0.

Il secondo tempo parte bene ed il vantaggio arriva praticamente subito. Al 46′ Decamilli riparte sulla destra, si accentra e serve alla sua sinistra Cordone che appoggia la sfera al liberissimo Navone che, senza pensarci troppo, lascia partire un bel tiro dai 35 metri che, complice una deviazione, beffa l’estremo difensore avversario. Gol, 1-0! Festa in campo e festa sui gradoni del Ca de Rissi!

Andati in vantaggio, gli atleti socialisti provano generosamente a spingersi ancora in avanti per chiudere l’incontro. Al 50′ sempre Navone è protagonista di un’altra buona conclusione che il portiere neroverde riesce però a neutralizzare. Al 57′ Beneskhoune con un gioco di prestigio si gira bene in area e tira ma ancora il portiere ponentino sventa il pericolo con un ottimo intervento. Al 60′ vivaci proteste nerorosse per un presunto rigore non fischiato dall’arbitro dopo tocco di braccio in area di un giocatore del Cornigliano. In campo intanto sale la tensione e lo si nota.

Il Cornigliano nel finale di partita prova a forzare per raggiungere il pareggio e all’80′ un colpo di testa di un attaccante ben piazzato esce di poco a lato, facendo correre un brivido lungo alla schiena ai tanti tifosi nerorossi presenti sugli spalti. La Resistente però ribatte colpo su colpo e ci prova con Cirillo che, servito da Ippolito, si coordina bene e tira ma trova la deviazione in corner del portiere avversario.

Nel finale poi un paio di punizioni del Cornigliano ben messe in area, si concludono con dei tiri da fuori che finiscono a lato e non di poco. Dopo ben 7 minuti di recupero arriva finalmente il triplice fischio e la seconda meritata vittoria stagionale che ci proietta nella parte alta della classifica.

Resta però l’amaro in bocca per l’infortunio subito da una vera anima e colonna di tutta la rosa, capitan Simone Incandela, a cui mister e compagni dedicano questo importante successo.

VAMOS RESISTENTE!

🖤
❤️

LIDO SQUARE – LA RESISTENTE 1-1

Campionato di seconda categoria 2021/22

Campo sportivo Pertini – Multedo

Bella prova e buon pareggio per la compagine socialista contro il Lido Square, formazione giovane e ben organizzata, fino a ieri a punteggio pieno.

Ore 11:03, il clima sugli spalti è già festante, è quello di casa per i numerosi tifosi assiepati sulle gradinate di metallo del Sandro Pertini, dove tutto iniziò nel 2017. E subito al 9’ su calcio d’angolo arriva il vantaggio nerorosso. Capitan Incandela prova un colpo di testa ma viene anticipato da un difensore che allontana il pallone dalle parti del dischetto dove si trova Decamilli che si coordina magistralmente ed al volo fa partire un fendente che si insacca alla sinistra del portiere (segna sempre lui..). 1-0.

Una volta in vantaggio, gli atleti socialisti continuano a far girare bene la palla, cercando di pungere quando possibile ed al 15’ sempre Decamilli mette un pallone insidioso in mezzo all’area che non viene raccolto da nessuno dei suoi compagni. I biancoblu si vedono solo poco prima del 20’ con una ripartenza rapida.

Il nostro Navone ci prova poi per ben 2 volte con tiri da fuori ma senza impensierire troppo il portiere ponentino. Al 25′ Ippolito va giù in area in un contrasto dubbio ma l’arbitro non se la sente di fischiare il rigore. Ancora Navone mette un cross in mezzo molto pericoloso e Decamilli salta di testa anticipando Incandela che sembrava meglio piazzato.

Nel finale i lidini si spingono in avanti e al 35’, su un sospetto fuorigioco, un attaccante si trova a tu per tu con Annibaldi e lascia partire un tiro basso ma l’estremo difensore nerorosso si distende bene e para. 3 minuti dopo un giocatore biancoblu cade in area ma anche stavolta la signora arbitro non fischia.

Al 45′ arriva però il pareggio: un attaccante avversario si infila bene in velocità in mezzo alla linea difensiva nerorossa e fa partire un tiro che Annibaldi stavolta non riesce a deviare. 1-1 e squadre negli spogliatoi.

Il secondo tempo si apre con lo stesso copione del primo: buona impostazione di gioco dei nerorossi che provano subito a riportarsi in vantaggio, mentre lo staff tecnico decide di fare qualche cambio per mettere in campo forze fresche.

Al 51′ Navone su punizione mette la palla in area dove svetta Iencinella che manda di poco alto. Al 64′ si fa male Ippolito che rimane a terra e viene sostituito da Cirillo. Al 72′ Decamilli si invola sulla fascia e mette una palla molto interessante ma Cirillo calcia fuori. Poco dopo si fa male anche Gerbaudo, colonna portante della retroguardia nerorossa, che sente tirare il muscolo e chiede prontamente il cambio. Al suo posto entra Picetti, autore di una buonissima prestazione nonostante l’ingresso a freddo. Al 77’ sempre Navone su punizione sfiora il palo sinistro dando ai tifosi l’impressione del gol. La capolista Lido prova a sua volta a costruire gioco ma si scontra con la ben organizzata retroguardia socialista. Al 80′ il nostro Macciò mette una palla precisa sul subentrato Beneskhoune che però calcio fuori. Al 85′ ancora un’occasionissima per tornare in vantaggio: Decamilli su una ripartenza si trova libero fuori dall’area ma non centra la porta. Al 95’ dopo ben 5 minuti di recupero l’arbitro fischia la fine della partita.

Un buon pareggio alla fine, considerato anche il valore degli avversari. Siamo comunque soddisfatti per la grinta e la voglia di portare a casa il bottino pieno, senza timori reverenziali. E nel nostro piccolo pensiamo che anche l’aria di “casa” del Sandro Pertini abbia influito..

“Ho incontrato te a Multedo Beach!”

🌴